Social Bookmark

Facebook MySpace Twitter Google Bookmarks RSS Feed 

Diventa FAN su Facebook

Seleziona lingua

Login (abilitato solo sul forum)

Il login sul portale è momentaneamente disabilitato. Potete effettuare il login direttamente sul FORUM.



Per registrarti fai click qui.
Uranio, caso Valery Melis: il tribunale condanna lo Stato ICON_SEP Print ICON_SEP
Valutazione attuale: / 3
ScarsoOttimo 
Varie
Written by   
Mercoledì 07 Settembre 2011 11:42

Uranio, caso Valery Melis: il tribunale condanna lo Stato 

 

VALERY MELIS: LO STATO CONDANNATO AL RISARCIMENTOCAGLIARI. Il Ministero della Difesa della Repubblica Italiana, a seguito di una sentenza in sede civile, dovrà risarcire 584 mila euro ai familiari di Valery Melis, il giovane militare di Quartu Sant'Elena e tifosissimo del Cagliari morto nel 2004 dopo una lunga malattia (linfoma di Hodgkin) che lo aveva colpito al suo rientro in patria, dopo aver prestato le proprie opere nelle missioni militari italiane in Kosovo. A stabilire l'entità del risarcimento, in sede civile, ed a seguito dell'archiviazione dell'inchiesta penale che aveva destato forte scalpore, è stato il Tribunale di Cagliari tramite il giudice Vincenzo Amato, che ha ritenuto responsabile l'Esercito di essere a conoscenza dei gravi rischi cui i soldati andavano incontro nelle missioni dei Balcani degli anni Novanta.

"Deve ritenersi - si legge nella sentenza - che il linfoma di Hodgkin sia stato contratto dal giovane Valery Melis proprio a causa dell'esposizione ad agenti chimici e fisici potenzialmente nocivi durante il servizio militare nei Balcani, atteso che proprio i detriti reperiti nel suo organismo hanno ben più che attendibilmente causato alterazioni gravi alle cellule del sistema immunitario come rilevato con frequenza di gran lunga superiore della media per i militari rientrati dai Balcani".

 

Così dopo anni di silenzio ed insabbiamenti, seppur parzialmente, si è avuta un po' di giustizia per un giovane, tra l'altro tifosissimo del Cagliari, che ha dato la propria vita per lo Stato e per la propria Nazione ed a cui, molti, volevano negare il riconoscimento di essere stato vittima dello Stato. Ora è ufficiale.

 

 

LAST_UPDATED2
 

FORM_HEADER

Quellidelsito ti permette di commentare gli articoli ed esprimere il tuo pensiero. Fallo sempre nel pieno rispetto delle opinioni altrui, senza insultare nessuno. I commenti contrari alla politica di questo sito non saranno pubblicati ovvero saranno censurati o rimossi


FORM_CAPTCHA
FORM_CAPTCHA_REFRESH