Social Bookmark

Facebook MySpace Twitter Google Bookmarks RSS Feed 

Diventa FAN su Facebook

Seleziona lingua

Login (abilitato solo sul forum)

Il login sul portale è momentaneamente disabilitato. Potete effettuare il login direttamente sul FORUM.



Per registrarti fai click qui.
CALCIOPOLI: RADIATI A VITA MOGGI, GIRAUDO e MAZZINI ICON_SEP Print ICON_SEP
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 
Varie
Written by   
Giovedì 16 Giugno 2011 08:18

Calciopoli: radiati a vita Moggi, Giraudo e Mazzini

LUCIANO MOGGI RADIATO A VITA

La decisione della Commissione Disciplinare  della Federcalcio presieduta dall'Avvocato Sergio Artico per le vicende di Calciopoli del 2006 non ha fatto sconti. Radiazione a vita per l'ex Direttore Generale della Juventus Luciano Moggi, l'ex Amministratore Delegato della squadra bianconera Antonio Giraudo e l'ex Vice-presidente della Figc Innocenzo Mazzini. La commissione ha accolto le richieste del Procuratore Federale Stefano Palazzi nonostante siano passati ormai 5 anni da quella rovente estate.

 

GIRAUDO RADIATO A VITALA SENTENZA - Un documento di appena 16 pagine tramite cui la Disciplinare ha adottato per i tre «la sanzione della preclusione alla permanenza in qualsiasi rango o categoria della Figc». Mai più, nemmeno in terza categoria. Meno male!
La radiazione di Moggi viene motivata dalla sentenza ina maniera chiara e semplice: è «del tutto proporzionata ai fatti commessi, tenuto conto della loro intrinseca gravità e delle aberranti conseguenze che hanno determinato». A distanza di 5 anni dal provvedimento di sospensione nei confronti dell'ex direttore generale della Juventus, la situazione non si è alleggerita e lo scandalo di Calciopoli continua a far parlare di se anche nelle aule dei tribunali ordinari (a Napoli il pm ha chiesto 5 anni e 8 mesi per Lucky Luciano). Secondo la Disciplinare, «il fatto che altri INNOCENZO MAZZINI RADIATO A VITAsoggetti obbligati all'osservanza della normativa federale possano aver tenuto, in ipotesi tutt'ora da accertare, condotte analoghe a quelle acclarate nei confronti del Moggi dalle «sentenze rese», non fa venir meno la gravità di quanto contestato al deferito, nè incide sulla valutazione demandata alla Commissione ai fini dell'irrogazione della sanzione della preclusione in questo procedimento».

In poche parole, anche se "altre persone" (la cui responsabilità sarà accertata) avessero commesso fatti analoghi a quelli di Moggi, questi non possono in alcun modo alleggerire la posizione dell'ex dg della Juventus.

 

Moggi: "Farò ricorso" - Ora i tre potranno avanzare ricorso presso la Corte di Giustizia Federale, organo d'appello della Commissione Disciplinare, e successivamente all'Alta Corte. Moggi (da piagnucolone qual'è) dichiara: "Non ci vogliono nel calcio ma chi fa queste cose, pagherà le conseguenze. Mi aspettavo questa decisione, assolutamente. Meglio stare lontano da un mondo come il calcio attuale. La Federazione ha qualche scheletro nell'armadio, vediamo cosa viene fuori". Poi aggiunge: "Io farò ricorso, non mi arrendo. Prima però voglio leggere le motivazioni, evidentemente si sono fermati al 2006", dice.

 

LAST_UPDATED2
 

FORM_HEADER

Quellidelsito ti permette di commentare gli articoli ed esprimere il tuo pensiero. Fallo sempre nel pieno rispetto delle opinioni altrui, senza insultare nessuno. I commenti contrari alla politica di questo sito non saranno pubblicati ovvero saranno censurati o rimossi


FORM_CAPTCHA
FORM_CAPTCHA_REFRESH