Social Bookmark

Facebook MySpace Twitter Google Bookmarks RSS Feed 

Diventa FAN su Facebook

Seleziona lingua

Login (abilitato solo sul forum)

Il login sul portale è momentaneamente disabilitato. Potete effettuare il login direttamente sul FORUM.



Per registrarti fai click qui.
UNA STAGIONE DISASTROSA ICON_SEP Print ICON_SEP
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
Il Cagliari
Written by   
Giovedì 16 Aprile 2015 10:01

 

UNA STAGIONE DISASTROSA

ZEMAN E GIULINI NELLA CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE LUGLIO 2014

 

Ancòra la matematica non ci condanna, è vero, ma l'aria che tira in Sardegna non è delle migliori. La squadra, dopo il ritorno di Zeman ed una partita quasi perfetta contro l'Empoli, sembra aver perso tutta la carica e gli stimoli, oltre che la fiducia nei propri mezzi. Quel gol negli ultimi 30 secondi di recupero pesa come un macigno nelle teste dei rossoblù e dei tifosi, molto più di quello scandaloso rigore regalato al Milan a S. Siro: perché se a Milano ci sta perdere una partita (comunque dove il Cagliari ha provato a giocarsela), in casa contro l'Empoli no... specie con una situazione di classifica all'epoca sì, è vero, deficitaria ma non ancora compromessa.

 

Inutile quindi farsi illusioni: fino a qualche domenica fa nelle più importanti testate giornalistiche anche i tifosi continuavano a crederci nonostante le difficoltà, perché "basta una vittoria per tornare anche mentalmente in corsa". Purtroppo però le settimane sono trascorse, le partite si sono giocate... e di vittorie, fino ad oggi, non se ne sono viste neppure coi binocoli. Inutile negare che attualmente la mano di Zeman non si sta vedendo come all'inizio, inutile dire che di quel gioco fatto di "corsa", "triangoli", "verticalizzazioni" e "sovrapposizioni" non si vede più nemmeno l'ombra. E' questo ciò che fa più male, anche perché la squadra ha si gravi lacune e soprattutto ha vissuto strampalati cambi in panchina (la cui principale responsabilità è della società, vero Presidente?) ma non ha un tasso tecnico inferiore ad altre dirette concorrenti alla salvezza. Quest'anno ci è mancato il gruppo, un leader dentro ed anche fuori dal campo oltre all'esperienza di chi per anni ha sputato sangue per questa maglia. Ma anche per loro, o meglio per chi è rimasto di quel gruppo, gli anni passano e le prestazioni non sono state più quelle di prima.. senza che si ponesse rimedio in tempo.

 

C'è chi dice, giustamente, che la matematica ancora non ci condanna e che quindi abbiamo l'obbligo morale di provarci: tutto vero, tutto giusto. Ma chi, anche al posto del tifoso più sfegatato, vede anche solo barlumi di segnali di una seppur timida ripresa? Domenica arriva il Napoli di Benitez, non l'ultima del campionato (il Parma), che peraltro ha vinto proprio domenica contro la regina incontrastata del campionato (Parma-Juventus=1-0). E intanto i diretti concorrenti, leggasi l'Atalanta, pur arrancando quasi quanto il Cagliari, ogni tanto la zampata riescono a darla... proprio come quella rovesciata di Pinilla all'ultimo secondo di recupero. Se guardiamo indietro ogni piccolo segnale, sembra quasi che questa stagione sia nata sotto una cattiva, anzi pessima luce. Ma la scaramanzia, fa parte di un mondo che non ci appartiene più. Ora vogliamo i fatti Presidente Giulini, delle parole e dei proclami ("Per il centenario sogno la Champions", oppure Marroccu che annuncia che la squadra andrà in ritiro proprio quando ormai la situazione è già gravemente ed ampiamente compromessa) ci siamo rotti i coglioni!

 

 

 

LAST_UPDATED2
 

FORM_HEADER

Quellidelsito ti permette di commentare gli articoli ed esprimere il tuo pensiero. Fallo sempre nel pieno rispetto delle opinioni altrui, senza insultare nessuno. I commenti contrari alla politica di questo sito non saranno pubblicati ovvero saranno censurati o rimossi


FORM_CAPTCHA
FORM_CAPTCHA_REFRESH