Social Bookmark

Facebook MySpace Twitter Google Bookmarks RSS Feed 

Diventa FAN su Facebook

Cerca sul sito

Login (abilitato solo sul forum)

Il login sul portale è momentaneamente disabilitato. Potete effettuare il login direttamente sul FORUM.



Per registrarti fai click qui.

Seleziona lingua

QUELLI DEL SITO - Dal 2002 il sito dei tifosi del Cagliari Calcio
FinAlmente, siAmo tornAti!
Scritto da Quellidelsito Cagliari   
Sabato 07 Maggio 2016 09:21

 

siAmo tornAti!

siAmo tornAti

 

La festa del popolo rossoblù per le vie della città è scoppiata immediatamente dopo la roboante vittoria di venerdì al S. Nicola di Bari (0-3 per i rossoblù) che ha decretato una volta per tutte il matematico ritorno in Serie A del Cagliari! Basta polemiche, basta pensieri, basta ansie: è arrivata l'ora di festeggiare, facciamolo tutti insieme!

SERIE A! SERIE A! SERIE A!

 
CESENA-CAGLIARI, LO SPEZZATINO CHE NON DEVE ESSERE INDIGESTO
Scritto da MarcoS   
Mercoledì 24 Febbraio 2016 18:28

 

CESENA-CAGLIARI, LO SPEZZATINO CHE NON DEVE ESSERE INDIGESTO

STADIO MANUZZI CESENA

 

 

Venerdì sera (ore 21) al "Dino Manuzzi" di Cesena si gioca un match "emblematico" dell'ormai (purtroppo) famoso “calcio spezzatino”.

Tradizionalmente il match Cesena-Cagliari rimanda sempre a delicate sfide salvezza per la permanenza in Serie A. Stavolta invece si gioca per obiettivi ben diversi e per molti aspetti più difficili: il Cagliari non deve bruciare il vantaggio fin qui accumulato sulle inseguitrici (tra cui, proprio il Cesena 4° in classifica). La sfida è delicata, perché in un campionato lunghissimo come la Serie B ogni match ha risvolti psicologici importanti: al di là del divario tra le due squadre (ben 18 punti!!), al Manuzzi le statistiche non sorridono ai rossoblù. Ma non solo: il Cesena arriva da un filotto consecutivo di risultati utili non di poco conto (l’ultima sconfitta risale a più di un mese fa in casa del Brescia). Se poi aggiungiamo il classico mal di trasferta dei ragazzi di Mister Rastelli la situazione si fa più seria di quel che sembra a prima vista.

 

A questo preciso punto del campionato è importante mettere in cascina più punti possibile, guardando con un po' di diffidenza il periodo primaverile quando, con i primi "caldi", molte squadre cominceranno a crollare come birilli... e già adesso qualcuno sta mostrando i primi evidenti segni di "cedimento". Gli attuali 5 punti sul Crotone non sono nulla. I 13 sul Pescara sono più consistenti, ma ancora non sufficienti a ritenere chiusa la pratica campionato: è troppo presto... c'è ancora tanta strada da fare e non possiamo permetterci il lusso di cullarci sugli allori. Inoltre, il Crotone affronta in casa il non brillantissimo (eufemismo) e diciassettesimo Vicenza, motivo ulteriore per mantenere ampie le distanze.

 

A Cesena l'obbiettivo da raggiungere è LA Prestazione (con la "P" maiuscola), come nel 2° tempo di Cagliari-Pescara dove siamo riusciti a ribaltare una partita che sembrava ormai destinata a ben altri destini. Il sogno, manco a dirlo, sarebbero i tre punti ma il Cesena in casa sta dando del filo da torcere a chiunque. Mentalità e atteggiamento saranno fondamentali in questa sfida. Come anche la consapevolezza dei propri limiti, rappresentati purtroppo anche dagli infortuni. Infatti oltre a Dessena, sono ancora in differenziato Ceppitelli e Munari, mentre Di Gennaro e Tello si sono sottoposti a terapie. Il lungo degente Capuano è volato a Roma per una visita specialistica. Certo non una situazione ottimale per Rastelli che si trova ad affrontare la parte decisiva del campionato senza alcuni dei suoi uomini migliori... ma è proprio in situazioni come queste che si riconosce la grande squadra.

 

Non piangiamoci addosso, cerchiamo di sfruttare tutte le nostre qualità con il piglio giusto e una volta per tutte troviamo la giusta continuità di risultati: è questo ciò che serve,è questo ciò che vogliamo venerdì dai ragazzi! Concentrazione alta per non farci andare di traverso questo cavolo di spezzatino. Possiamo farcela, perché siamo sempre Una terra, un popolo, una squadra!

 

 

FORZA CASTEDDU!!!

 

 
LA SERIE B, IL CAMPIONATO DEGLI INCOMPETENTI. MA NOI SIAMO MIGLIORI
Scritto da MarcoS   
Lunedì 07 Dicembre 2015 11:56

 

LA SERIE B, IL CAMPIONATO DEGLI INCOMPETENTI?
MA NOI SIAMO MIGLIORI

CAGLIARI 1 COMO 1

CAGLIARI COMO ENNESIMO SCANDALO AI DANNI DEL CAGLIARI

 

Dobbiamo capirlo: siamo migliori di quello che è successo ieri. Nonostante il pari (san Joao Pedro al 92°) contro il Como ultimo in classifica (1-1), la piazza si sente complessivamente "sconfitta" prima da noi stessi con una prestazione grigia e poi dall’arbitro. Da noi stessi perché tante occasioni che abbiamo creato non siamo riusciti a sfruttarle a dovere. E poi dall’arbitro, l'ennesimo scadente arbitro che ci ha ricordato quanto sarebbe utile la tecnologia nel calcio ed un "ripulisti" nella cadetteria. Ma noi siamo migliori di questa situazione, anche se questo pareggio sa tanto di sconfitta (ma poteva pure andarci peggio!). Che arriva dopo Brescia. La dannatissima Brescia! Sa di sconfitta anche perché ha distrutto l'amuleto-Sant’Elia. Perché abbiamo perso la vetta della classifica. Perché ci sentiamo anche noi un po’ meno forti, un po' più... umani. Ma ricordiamoci che abbiamo L’OBBLIGO di risalire subito in Serie A! Quindi qualsiasi cosa diversa dalla vittoria va sempre evitata come la peste, per evitare la roulette dei play off! Siamo costruiti per vincere e dobbiamo vincere! Sempre! Certo questo è difficilissimo, se poi l’incompetenza dei direttori di gara cerca di affondarci ormai sistematicamente... ma noi dobbiamo dimostrargli di essere migliori anche di questo. Non ci avranno. Mai.
Perché quello che chiamano “il campionato degli italiani”, è in realtà il campionato degli incompetenti. Perché siamo costretti a vedere certi orrori? All’incompetenza dobbiamo comunque rispondere con ancora maggiore forza così da essere davvero impossibile fermarci. Siamo costretti a farlo, è il nostro destino. Contro un ottimo Como di Gianluca Festa, anche se per ciò che abbiamo creato forse avremmo meritato la vittoria, noi avremmo dovuto essere più concreti, più pericolosi. Ma chi di dovere prenda seri provvedimenti affinché simili schifezze non succedano più in un campionato di PROFESSIONISTI: è la Serie B, non il campionato parrocchiale! La settimana scorsa la frattura di Dessena e la mancata espulsione di Coly, poi un gol valido annullato a Marco Sau... episodi che pesano eccome! Ma il campionato non si ferma e Mercoledì riprendiamo subito a vincere dimentichiamoci questo passo falso: facciamolo per noi stessi, per il capitano, per dimostrare a questa scadente classe arbitrale che non riusciranno a fermarci. Ripartiamo ancora più incazzati di prima e facciamogli vedere chi è il Cagliari. Giovedì dopo la Coppa Italia qualcuno si sorprendeva che il Sassuolo fosse stato battuto dal Cagliari. Qualche anno fa, mentre i neroverdi marcivano da una vita nelle classifiche minori, sarebbe successo il contrario. Ricordiamoci sempre le responsabilità che abbiamo per il solo fatto di essere il Cagliari, di cui dobbiamo rispondere al nostro popolo. Ma uniti, ce la faremo.

 

FORZA CASTEDDU!!!

 

 
ASPETTANDO LATINA-CAGLIARI
Scritto da Administrator   
Venerdì 12 Febbraio 2016 15:16

 

ASPETTANDO LATINA-CAGLIARI

ASPETTANDO LATINA CAGLIARI

 

Al di lè delle apparenze, la sfida di sabato pomeriggio contro il Latina (stadio Domenico Francioni, ore 15) è fondamentale per il proseguo del campionato rossoblù.
Il Cagliari di Rastelli, per il momento a quota 55 punti, è a +8 dalla terza in classifica (Pescara 47) e +14 dalla quarta (Novara 41): un discreto vantaggio, ma tra circa 10 giorni arriverà al S. Elia proprio il Pescara, che questa settimana affronta in casa il Vicenza nell'anticipo di Venerdì (ore 20.30). Inutile dire che arriveranno al S. Elia con il coltello tra i denti per provare a dare una prova di forza: non dimentichiamo che l'estate scorsa il Pescara era, insieme a Bari e Cesena, tra le candidate alla promozione.. e sta ampiamente confermando le aspettative. Altro aspetto: il Cagliari perse in trasferta proprio a Pescara, giocando peraltro una brutta partita. All'epoca si può dire che erano due squadre completamente diverse, anzi era proprio un altro campionato, ma se i ragazzi di Rastelli sono migliorati tanto in questi mesi anche i bianco celesti hanno fatto passi da gigante.
Inoltre i rossoblù soffrono malamente le trasferte, dove hanno quasi sempre faticato quest'anno: motivo per cui il Latina non è certo la migliore gatta da pelare in questo momento. Il Cagliari affronterà un avversario con un'ottima difesa (appena 29 reti subite dalla squadra allenata da Mario Somma, rispetto alle 22 dei rossoblù), inoltre Rastelli dovrà rinunciare a molti dei suoi uomini migliori: oltre ovviamente a Dessena, mancheranno Fossati (squalificato), Di Gennaro (si tenta il recupero in extremis) e Marco Sau. In attacco, il momento di forma non proprio ottimale di Melchiorri lascia spazio a ulteriori grattacapi nella formazione. Ma noi siamo il Cagliari, non dimentichiamolo: chiunque sarà chiamato in causa dovrà ricordarselo bene al momento del bisogno.
Affrontare con il giusto piglio il match, sarà un ulteriore passo per affrontare la successiva sfida casalinga contro il Pescara nel migliore dei modi.

 

FORZA CASTEDDU VINCI PER NOI!!!

 

 
L'ALBA DEL GIORNO DOPO
Scritto da MarcoS   
Domenica 29 Novembre 2015 00:00

 

L'ALBA DEL GIORNO DOPO

 

Ci ritroviamo qui, ancora tutti assieme, un secondo dopo la fine della tempesta. Il “day-after” è stato tremendo, davvero difficile. Diciamolo, ci è crollato il mondo addosso. O almeno, a me è successo. Vedere il nostro capitano in quelle condizioni, distrutto dal dolore, mi ha lasciato davvero senza parole. E allora ci è voluto un po’ per trovarle.

Deniele non è solo il nostro capitano. Non è solo un giocatore del Cagliari. Tantomeno una semplice pedina del centrocampo. No, Daniele è prima di tutto un bravo ragazzo, sempre disponibile e gentile anche coi tifosi, che da quando ha messo piede qui per la prima volta, durante la lontana era-Allegri, ha sempre messo il cuore e anche di piu in campo. Lui ha davvero speso il sangue per questa maglia. Un amore e una dedizione tali non vanno sottovalutati o sminuiti. Non se lo merita. Può essere vero, che le prestazioni non siano sempre state quelle che noi ci aspettavamo. Ma è anche vero che noi tifosi difficilmente ci accontentiamo. Siamo primi in classifica eppure il pelo nell’uovo l’abbiamo sempre trovato. Però certamente non è vero che lui non abbia sempre messo tutto il suo impegno. Quindi adesso chiudiamo il capitolo ‘pre-infortunio’ e iniziamo quello post. Ciò che è stato, è stato. Il Dessena che tornerà, probabilmente la prossima stagione, sarà un altro uomo e un altro giocatore. Sarà sempre capitano del Cagliari, ma adesso ci sarà una cicatrice in più in lui (fisica e mentale), cosa che dall’inizio del mondo è sempre stata un motivo di vanto per tutti i gladiatori. L’operazione è andata bene, come ci si aspettava. Il recupero sarà lungo, come ci si aspettava. Adesso il punto è uno: visto che la fascia andrà giustamente al braccio di “Megastore” Storari, chi prenderà le redini del centrocampo? Forse Di Gennaro? O quella specie di semi-divinità/creatura utopica che risponde al nome di GIANNI MUNARI? O magari la società deciderà di intervenire sul mercato? Tutto è possibile, quello che è certo, è che i rossoblù non possono permettersi alcuna tregua. Nessuno ci farà sconti. Quindi bisogna continuare a macinare punti. La sconfitta di sabato è stato un contrattempo che avremmo evitato volentieri. Soprattutto per come è arrivata. Non abbiamo giocato da grande squadra. Punto. C’è poco da aggiungere. Adesso tiriamo fuori gli attributi e facciamo capire a tutti che è stato solo un incidente. Che il vero Cagliari vince e convince. Che non siamo intimoriti dai pericoli; anzi, che ci esaltiamo nelle difficoltà. Dobbiamo fare di necessità virtù. E quindi usare la partita col Sassuolo come test: bisogna capire se la possibile soluzione per il centrocampo ce l’abbiamo già in casa o se è necessario acquistare. Bando alle parole di circostanza: è chiaro come il sole che il Cagliari ora deve pensare SOLO ED ESCLUSIVAMENTE ALLA SERIE A. Rastelli domani in conferenza stampa sarà costretto a dire il contrario, che giochiamo per vincere eccetera eccetera. Tutte balle. Sarebbe folle ora concentrarsi sulla coppa nella situazione in cui siamo. Dobbiamo venire fuori da questo momento difficile e basta. Col Sassuolo sarà come un’allenamento, se vinciamo sarà un bonus al morale, ma l’importante sarà ricevere indicazioni tattiche. Il nostro obiettivo è solo ed esclusivamente la promozione. Quindi avanti tutta Cagliari, dritto alla meta, e conquista la preda!

 

 

 

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 1 di 149